News
HomeNews
 

Keynote address by PM at Singapore FinTech-Festival

Back | Print

Keynote address by PM at Singapore FinTech Festival
Deputy Prime Minister of Singapore Tharman Shanmugaratnam, a voice of influence in the world of finance,Mr. Ravi Menon, Managing Director of Monetary Authority of Singapore, a leading institution in fintech,Tens of thousands of participants from over one hundred countries,
Namaskar!
It is a great honour to be the first Head of Government to deliver the keynote address at Singapore Fintech Festival.
This is a tribute to the youth of India with its eyes firmly fixed to the future.
It is an acknowledgement of the financial revolution sweeping through India and transforming the lives of 1.3 billion people.
This is an event of finance and technology and, it is also a festival.
This is the season of the Indian Festival of Lights – Deepawali. It is celebrated all over the world as a victory of virtue, hope, knowledge and prosperity. The Diwali lights are still on in Singapore.
The Fintech Festival is also a celebration of belief.
Belief in the spirit of innovation and the power of imagination.
Belief in the energy of youth and their passion for change.
Belief in making the world a better place.
And, it is no surprise that in just its third year, this Festival is already the world’s largest.
Singapore has been a global hub for finance and, it is now taking a leap into the digital future of finance.
It was here, in June this year, that I launched India’s RuPay card and the first international remittance mobile app using India’s world class Unified Payment Interface or UPI.
Today, I will have the honour to launch a global platform to connect fintech firms and financial institutions, beginning with ASEAN and Indian banks and fintech companies.
India and Singapore are also working to connect Indian and ASEAN small and medium enterprises, anchored on an Indian platform, and expand it globally.
Friends,
I have heard of an advice going around in start-up circles.
● To increase your Venture Capital or VC funding by 10 percent, tell the investors you run a “platform”, not a regular business.
● If you want to increase your VC funding by 20 percent, tell the investors that you are operating in the “fintech space”.
● But, if you really want the investors to empty their pockets, tell them that you are using “blockchain” .
It tells you of the excitement and promise of emerging technologies to transform the world of finance.
Indeed, history has shown that finance is often the first to embrace new technology and connectivity.
Friends,
We are in an age of a historic transition brought about by technology.
From desktop to cloud, from internet to social media, from IT Services to Internet of Things,we have come a long way in a short time. There is daily disruption in businesses.
The character of the global economy is changing.
Technology is defining competitiveness and power in the new world.
And, it is creating boundless opportunities to transform lives.
I had said at the United Nations in 2014 that we have to believe that development and empowerment can spread with the same speed at which Facebook, Twitter or mobile phones have spread.
Across the world, that vision is rapidly changing into reality.
In India, it has transformed governance and delivery of public services.It has unleashed innovation, hope and opportunities.It has empowered the weak and brought into mainstream those who were on the margins .It has made economic access more democratic.
My government came to office in 2014 with a mission of inclusive development that would touch the lives of every citizen – the weakest in the remotest village.
That mission needed a solid foundation of financial inclusion for all – a task that was not easy in a country of India’s size.
Yet, we wanted to achieve this in months, not years that conventional wisdom suggested.
With the power of fintech and the reach of digital connectivity, we have started a revolution of unprecedented speed and scale.
To begin with financial inclusion has become a reality for 1.3 billion Indians. We have generated more than 1.2 billion biometric identities – called Aadhaar or foundation – in just a few years.
With our Jan DhanYojana, we aimed to give a bank account to every Indian. In three years, we have opened 330 million new bank accounts.These are 330 million sources of identity, dignity and opportunities.
Less than 50 percent of Indians had bank accounts in 2014; now, it is nearly universal.
So today, more than a billion biometric identities, more than a billion bank accounts and more than a billion cell phones give India by far the biggest public infrastructure in the world.
More than Rupees 3.6 lakh crore, or 50 billion dollars of benefits from government have reached the people directly.
No longer must a poor citizen in a remote village travel long distances or pay off middle-men to get her rights.
No longer can fake and duplicate accounts bleed government finances. We have saved over Rupees 80,000 crore, or 12 billion dollars in prevented leakages.
Now, millions who lived on the edge of uncertainty receive insurance in their accounts; and, have access to the security of pension in old age.
A student can get her scholarship directly into her account. No longer will she be lost in end-less paper chase.
Banking has come to doorsteps even in remote villages through 400,000 micro ATMs based on Aadhaar.
And now, this digital infrastructure has helped launch the world’s largest healthcare scheme this year. ‘Ayushman’ will provide affordable health insurance to 500 million Indians.
It has also helped us extend 145 million loans for small entrepreneurs through Mudra scheme. In four years, they amount to Rupees 6.5 lakh crore, or 90 billion dollars. Nearly 75 percent of these loans have gone to women.
Just a few weeks ago, we launched the India Post Payments Bank. Over 150 thousand post offices across India and 300,000 postal service employees are using technology to provide house to house banking.
Of course financial inclusion also needs digital connectivity.
More than 120,000 village councils in India have already been connected by nearly 300,000 kilometres of fibre optic cables.
Over 300,000 Common Service Centres have brought digital access to villages. They give our farmers better access to land records, credit, insurance, market and the best price. They deliver health services and hygiene products to women.
None of this would have been as effective without the other big change brought about by fintech – the digitisation of payments and transactions in India.
India is a nation of diverse circumstances and challenges.Our solutions must also be diverse.Our digitization is a success because our payment products cater to everyone.
For those with mobile and internet, the BHIM-UPI is the world’s most sophisticated, simpleand seamless platform for payments between accounts, using a virtual payment address.
For those who have a mobile, but no internet, there is U.S.S.D. system in 12 languages.
And, for those who have neither mobile nor internet, there is Aadhar Enabled Payment System, which uses biometrics. And, it has already registered a billion transactions and grown six-fold in two years.
RuPay is bringing payment cards within the reach of all.Over 250 million of these are with those who did not have a bank account 4 years ago.
From cards to QRs and wallets, digital transactions in India are growing rapidly. Today, 128 banks in India are connected to UPI.
Transactions on UPI grew 1500 times in the last 24 months. Every month, the value of transaction is growing by over 30 percent.
But, more than the pace, I am inspired by the opportunities, efficiency, transparency and convenience that digital payment is generating.
A shopkeeper can go online to reduce his inventory and speed up collections.
For a fruit grower, a farmer or a rural artisan , the markets are direct and closer, earnings are higher,and payments are faster.
A worker collects wages or remits money home quickly without giving up a day’s work.
Every digital payment saves time. It adds to a huge national saving. It is increasing productivity of individuals and our economy.
It also helps improve tax collection and inject fairness in the economy.
Even more, digital payments are a gateway to a world of possibilities.
Data Analytics and Artificial Intelligence are helping us build a whole range of value added services for people.This includes credit to those with little or no credit history.
Financial inclusion also extends to micro, small and medium enterprises.
They are all coming on the nation-wide Goods and Services Tax digital network, launched just over a year ago.
Banks are reaching out to them with credit. Alternative lending platforms are offering innovative financing models. They no longer have to look at informal markets for credit at high interest rates.
And, just this month, we committed to approve loans up to Rupees 1 crore, or one 150,000 dollars for Micro, Small and Medium Enterprises within 59 minutes – without even visiting a bank. This is driven by an algorithm that uses GST returns, Income Tax returns and bank statements to make credit decisions. In just a few days, 150,000 such enterprises have come on board for loans.
This is the power of fintech to drive enterprise, employment and prosperity.
Digital technology is introducing transparency and eliminating corruption through innovations such as the Government e-Marketor GEM. It is an integrated platform for purchases by government agencies.
It provides everything – search and comparison, tender, online ordering, contract generation and payment.
It already has 600,000 products.Nearly 30,000 buyer organisations and more than 150,000 sellers and service providers are registered on the platform.
Friends
There is an explosion of fintech innovation and enterprise in India. It has turned India into a leading fintech and Startup nation in the world. The future of fintech and Industry 4.0 is emerging in India.
Our youth are developing apps that are making the dream of paperless, cashless, presence-less, and yet safe and secure, transactions possible for all. That is the wonder of India Stack– simply the largest set of Application Programming Interface in the world.
They are using Artificial Intelligence, Blockchain and machine learning to create solutions for banks, regulators and consumers.
And, they are also embracing our nation’s social missions – from health and education to micro credit and insurance.
This enormous talent pool in India benefits from the ecosystem created by initiatives such as Digital India and Startup India, and by supportive policies, incentives and funding programmes.
It also helps that India has the largest data consumption in the world and the cheapest rates for data.And one of the top nations in fintech adoption. So, I say this to all the fintech companies and startups – India is your best destination.
The economies of scale achieved in India by the LED bulb industry allowed this energy efficient technology to become more affordable globally. Likewise, India’s vast market can enable fintech products to achieve scale, reduce risks and costs, and go global.
Friends.
In short, the Indian story shows six great benefits of fintech: Access ,inclusion; connectivity; ease of living; opportunity; and, accountability.
Across the world, from the Indo-Pacific to Africa to Latin America, we see inspiring stories of extraordinary innovation changing ordinary lives .
But, there is much to be done.
Our focus should be development of all, through , that is, development of the most marginalised.
We must bring the unbanked 1.7 billion people in the world into the formal financial market.
We must extend the security of insurance and pension to more than a billion workers in the informal sectors worldwide, who still do not have it.
We can use fintech to ensure that no dream remains unfulfilled, and no enterprise remains still born, because of lack of access to finance.
We must make banks and financial institutions more resilient in managing risks,fighting frauds and dealing with disruption of traditional models.
We have to use technology to improve compliance,regulation and supervision, so that innovation flourishes and risks are contained.
We must use fintech tools to combat money laundering and other financial crimes.
The emerging world of finance will succeed in our inter-connected world when our data and systems are trusted and secure.
We have to make our globally wired system safe from cyber threats.
We must also ensure that the pace and the push of Fintech work to the advantage of the people, not to their disadvantage; that technology in finance ensures improvement of the human condition through direct contact with the most marginalized.
We also need to enhance awareness of the masses and educate them about the opportunities which inclusive policies and use of technology open up for them.
For this,fintech will need to be not merely a mechanism but a movement.
And, we have to address the inevitable questions of data ownership and flow, privacy and consent; private and public good; law and ethics.
Finally, we must invest in creating skills for the future. And, be prepared to back ideas and invest for the long term.
Friends.
Each era is defined by its opportunities and challenges.Each generation has its responsibility to shape future.
This generation will shape the futurein the palm of every hand in the world.
At no time in history were we blessed with so many possibilities:
to make opportunities and prosperity a reality in a lifetime, for billions.
to make the world more humane and equal –between rich and poor, between cities and villages, between hopes and achievements.
Just as India will learn from others, we will share our experience and expertise with the world.
Because,what drives India also holds hope for others. And,what we dream for India is what we also wish for the world.
This is a common journey for all.
Like the festival of light that calls us to spread light over darkness,hope and happiness over despair,this festival calls us to come together in pursuit of a better future for humanity.
Thank you.





Intervento del Primo Ministro al Singapore FinTech Festival – Festival su Finanza e Tecnologia
Vice Primo Ministro di Singapore, Tharman Shanmugaratnam,
Ravi Menon, Amministratore Delegato dell’Autorità Monetaria di Singapore, istituzione leader nel settore fintech,
Voi tutti che, in decine di migliaia, provenienti da oltre cento paesi differenti, avete scelto di partecipare al Festival,
Namaskar!

è per me un grande onore essere il primo Capo di Governo a intervenire al Singapore Fintech Festival.
Questo è da considerarsi come un vero e proprio tributo ai giovani indiani che guardano con estrema attenzione al futuro.
è, al contempo, un riconoscimento della rivoluzione finanziaria che sta avendo atto in India, tarsformando la vita di 1.3 miliardi di persone.
Siamo qui per partecipare a un evento di carattere finanziario e tecnologico ma che è anche un festival.
Siamo nella stagione del Festival Indiano delle Luci, il Deepawali. Si tratta di una festa che si celebra in tutto il mondo come vittoria della virtù, la speranza, la conmoscenza e la prosperità. Possano le luci del Diwali risplendere su Singapore.
Il Fintech Festival celebra anche la capacità di credere. 
Credere in uno spitrito fatto di innovazione e nella forza dell’immagiinazione.
Credere nell’energia dei giovani e nel loro amore per il cambiamento.
Credere nella possibilità di poter trasformare il mondo in un posto migliore.
Non deve sorprendere dunque se, pur essendo solo alla sua terza edizione, il Festival è già il più grande al mondo.
Singapore è stata un crocevia globale della finanza e ora si sta lanciando nel futuro digitale della finanza.
E proprio qui, a giugno di quest’anno, ho lanciato l’India’s RuPay card e la prima app mobile per rimesse internazionali utilizzando l’India’s world class Unified Payment Interface o UPI.
Oggi ho invece l’onore di lanciare una piattaforma globale che connette le aziende fintech allle istituzioni finanziarie, a partire dall’ASEAN e le banche indiane e le società che operano nel settore finanziario/tecnologico.
India e Singapore stanno inoltre lavorando per collegare le piccole e medie imprese indiane e dell’ASEAN, basate su una piattaforma indiana, espandendole così a livello mondiale.
Amici,
Nei circuiti delle start-up ho sentito spesso questi consigli.
● Per aumentare i capitali di rischio o i fondi di  capitali a rischio del 10%, bisogna dire agli investitori che gestite una “piattaforma”, non una normale attività commerciale.
● Per aumentare i fondi di capitali di rischio del 20%, bisogna che diciate agli investitori che operate nel settore fintech.
● Ma se volete veramente lasciare gli investitori a tasche vuote dovrete dir loro che utilizzate la  “blockchain” .
Questa è la promessa delle tecnologie emergenti per trasformare il mondo della finanza.
La storia ha infatti dimostrato che la finanza è spesso la prima ad andare di pari passo con tecnologia e connettività.
Amici,
Stiamo vivendo una transizione storica grazie alla tecnologia.
Dal desktop al cloud, da internet ai social media, dai servizi IT a Internet delle Cose, abiamo percorso già tanta strada e in poco tempo. Il mondo del business viene così trasformato quotidianamente.
L’aspetto dell’economia globale sta cambiando.
La tecnologia sta definendo le nuove regole della competizione e del potere a livello mondiale. 
E questo sta creando illimitate opportunità di cambiamento nella vita di tutti.
Come ho dichiarato davanti alle Nazioni Unite nel 2014, dobbiamo credere che lo sviluppo e l'empowerment possano diffondersi alla stessa velocità con cui si sono diffusi Facebook, Twitter o i telefoni cellulari.
Questa visione sta rapidamente tramutandosi in realtà in tutto il mondo.
In India, ha trasformato la governance e la fornitura di servizi pubblici. Ha scatenato l’innovazione, la speranza e le nuove opportunità. Ha dato forza ai deboli e ha reso protagonisti coloro che vivevano ai margini. Ha inoltre reso l’accesso all’economia più democratico.
Il mio mandato è iniziato nel 2014 con una mission: supportare uno sviluppo inclusivo che vada a toccare le vite di ogni singolo cittadino- specialmente i più deboli che vivono nei villaggi più remoti.
Quella mission necessita però di una solida base di inclusione finanziaria di tutti, compito difficile in un paese grande come l’India.
Volevamo raggiungere l’obiettivo nel giro di mesi, non anni, come suggeriva la coscienza collettiva.
Con la forza del fintech e il conseguimento di una interconnessione digitale, abbiamo intrapreso una rivoluzione senza precedenti sia per rapidità che per portata.
Per iniziare, l’inclusione finanziaria è divenuta realtà per 1.3 miliardi di indiani. Abbiamo creato oltre 1.2 miliardi di identità biometriche (Aadhaar) nel giro di pochi anni.
Con il nostro Jan DhanYojana, miravamo ad assegnare un conto bancario a ogni cittadino indiano. In tre anni abbiamo aperto 330 milioni di nuovi conti bancari equivalenti a 330 milioni di identità, dignità e opportunità.
Nel 2014 meno del 50% degli indiani aveva un conto bancario, ora lo possiedono quasi tutti.
Quindi, ad oggi, ci sono oltre un miliardo di identità biometriche, oltre un miliardo di conti bancari e oltre un miliardo di cellulari che offrono all’India la più grande infrastruttura pubblica del modnof.
Oltre 50 miliardi di dollari in benefit governativi hanno raggiunto direttamente la popolazione. 
Un cittadino povero che vive in un villaggio sperduto non deve più viaggiare a lungo o pagare delgi intermediari per accedere a ciò che gli spetta di diritto.
Conti finti o clonati non possono più prosciugare le finanze governative. Abbiamo infatti salvaguardato 12 miliardi di dollari prevenendo illecite perdite di denaro. 
I milioni di individui che vivevano al limite dell’incerto ricevono oggi un’assicurazione sui loro conti e hanno accesso alla certezza di una pensione per la loro vecchiaia.
Una studentessa può ricevere direttamente la sua borsa di studio sul suo conto, non dovrà più perdersi in una labirintica caccia a documenti e denaro.
Il sistema bancario ha bussato anche alle porte di chi vive nei villaggi, con l’apertura di 400,000 micro sportelli bancomat che si basano su Aadhaar.
Quest’anno, questa infrastruttura digitale ha aiutato a lanciare lo schema sanitario più grade del mondo. ‘Ayushman’ fornirà un’assicurazione sanitaria affidabile a 500 milioni di indiani.
Ci ha anche aiutato ad assicurare 145 milioni di prestiti ai piccoli imprenditori attraverso lo schema Mudra. In 4 anni si sono raggiunti i 90 miliardi di dollari. Quasi il 75% di questi prestiti erano destinati a donne.
Solo poche settimane fa abbiamo lanciato l’India Post Payments Bank. Oltre 150 mila uffici postali in India e 300,000 impiegati si stanno avalendo della tecnologia per portare il sistema bancario di casa in casa.
Chiaramente, l’inclusione finanziaria necessita anche di connettività digitale.
Oltre 120,000 consigli nei villaggi indiani sono stati già connessi tramite 300,000 km di cavi a fibra ottica.
Oltre 300,000 centri servizi hanno portato l’accesso al digitale nei villaggi.  Ciò da ai nostri agricoltori un migliore accesso alla registrazione delle terre, crediti, assicurazioni accesso al mercato e prezzi migliori. Offrono inoltre seervizi sanitari e prodotti per l’igiene alle donne.
Niente di tutto ciò sarebbe stato così efficace senza l’enorme cambiamento apportato dal  fintech – la digitalizzazione dei pagamenti e delle transazioni in India.
L’India è una nazione variegata e ha svariate sfide al suo interno. Altrettanto variegate devono  essere le nostre soluzioni. La nostra digitalizzazione è un successo perchè i nostri prodotti a pagamento soddisfano tutti. 
Per chi possiede un cellulare e ha accesso a internet, il BHIM-UPI è la piattaforma più sofisticata, semplice ed efficace per i pagamenti tra conti e si avvale di assegni virtuali.
Per chi possiede un cellulare ma non ha accesso a internet, esiste il sistema U.S.S.D. settato in 12 lingue.
E per chi non ha nè un cellulare nè accesso a internet c’è l’Aadhar Enabled Payment System, che utilizza le impronte digitali. E ha già registrato un miliardo di transazioni ed è cresciuto sei volte solo in quest’anno.
RuPay sta portando le carte di pagamento a tutti. Oltre 250 milioni di queste sono oggi nelle mani di chi non aveva nemmeno un conto in banca 4 anni fa. 
Dalle carte al QR e al portafogli, le transazioni digitali in India stanno crescendo rapidamente. Oggi 128 banche in India sono connesse all’UPI.
Le transazioni su UPI sono cresciute 1500 volte negli ultimi 24 mesi. Ogni mese il valore della transazione cresce di oltre il 30% .
Ma più che dalla rapidità, sono impressionato dalle opportunità, l’efficienza, la trasparenza e la convenienza che i pagamenti digitali stanno apportando.
Un negoziante può limitare i suoi stock di magazzino o accelerare l’arrivo di una collezione semplicemente online.
Per un contadino o un artigiano rurale i meracti sono diretti e vicini, i guadagni più elevati e i pagamenti più rapidi.
Un lavoratore riceve gli stipendi o invia soldi a casa più rapidamente e senza perdere nemmeno una giornata lavorativa.
Ogni pagamento digitale fa risparmiare tempo. E ciò si va a sommare a ingenti risparmi a livello nazionale. Ciò aumenta la produttività dei singoli individui e della nostra economia.
Aiuta anche a migliorare la riscossione delle imposte e stabilisce un clima di maggiore equità nell’economia.
Per di più, i pagamenti digitali sono la strada verso un mondo di possibilità.
Le analisi dati e l’intelligenza artificiale ci stanno aiutando a costruire una vasta gamma di servizi a valore aggiunto destinati alle persone. Inclusi i crediti per chi ne ha pochi o non ne ha.
L’inclusione finanziaria riguarda anche le micro, piccole e medie imprese.
Si concentrano tutte sulla rete digitale di tasse su beni e servizi attiva a livello nazionale già da un  anno.
Le banche li stanno raggiungendo col credito. Altre piattaforme di prestito offrono modelli finanziari innovativi. Non dovranno più guardare ai mercati informali per crediti a tassi di interesse pù elevati.
Proprio in questo mese, ci siamo impeganti ad approvare prestiti fino a 150,000 dollari per le micro, piccole e medie imprese nell’arco di 59 minuti – senza, addirittura, recarsi in banca. Il sistema si basa su un algoritmo che utilizza la tassazione gst, l’imposta sul reddito e dichiarazioni bancarie per prendere decisioni sui crediti. In pochi giorni, 150,000 imprese hanno presentato richiesta di prestito.
Questa è la vera forza di fintech che guida così imprese, lavoro e prosperità.
La tecnologia digitale sta introducendo trasparenza e sta eliminando la corruzione attraverso innovazioni come il Government e-Marketor GEM, si tratta di una piattaforma integrata destinata agli acquisti da parte delle agenzie governative.
Offre di tutto – ricerche, paragoni, gare, offerte online, creazioen di contratti e pagamenti. 
La piattaforma ha già 600,000 prodotti. Quasi 30,000 organizzazioni acquirenti e più di  150,000 venditori e fornitori di servizi sono registrati sulla piattaforma.
Amici
In India è in corso una vera e propria esplosione di fintech, innovazione e imprese. Ciò ha fatto dell’India una nazione leader nel fintech e una nazione startup in tutto il mondo.  Il futuro del fintech e dell’industria 4.0 sta emergendo in India.
I nostri giovani stanno sviluppando app che realizzeranno il sogno delle transazioni senza carta, senza banconote, senza la presenza fisica di una persona ma comunqie sicura e possibile per tutti. Questa è la grande sfida dell’India Stack, la più vasta gamma di programa applicativo d’interfaccia nel mondo.
Si avvalgono dell’Intelligenza Artificiale, del Blockchain e della conoscenza dei macchinari per creare soluzioni pensate per le banche, i regolatori e i consumatori.
Oltre a questo, sposano anche la mission sociale della nostra nazione, dalla salute e l’educazione al micro credito e l’assicurazione.
Questo enorme grupo di talenti in India beneficia dell’ecosistema creato da iniziative come Digital India e Startup India, e da politiche di sostegno, incentivi e programmi di finanziamento. 
Inoltre l’india detiene il più alto consumo di dati del mondo ai prezzi più bassi. Ed è una delle nazioni leader nell’adozione fintech.  Per cui, lasciatemi dire alle società e startup fintech, l’India è la vostra migliore destinazione.
Le economie di scala raggiunte in India dall’industria delle lampadine al led ha consentito a questa tecnologia a energia intelligente di diventare sempre più affidabile in tutto il mondo. Analogamente, il vasto mercato indiano può far si che i prodotti fintech raggiungano una vasta portata, riducendo rischi e costi e divenendo modiali.
Amici.
Per farla breve, la storia indiana mostra sei evidenti benefici del fintec: accesso, inclusione, connettività, semplificazione della vita, opportunità e affidabilità. 
In tutto il mondo, dall’Indo-Pacifico, passando dall’Africa fino all’America Latina vediamo storie di straordinarie innovazioni che cambiano vite normali e questo può essere per noi fonte d’ispirazione. 
Ma c’è ancora molto da fare.
Dovremmo concentrarci sullo sviluppo di tutti, ovvero, specialmente lo sviluppo dei più emarginati.
Dobiamo portare 1.7 miliardi di persone che sono fuori dal mondo bancario nel mercato finanziario formale.
Dobbiamo ampliare la sicurezza di pensioni e assicurazioni a oltre un miliardo di lavoratori nei settori informali che ancora non ne hanno.
Possiamo usare il fintech per assicuarre che nessun sogno resta irrealizzato e nessuna impresa rimane al suo stato embrionale solo per colpa dell’accesso al mondo finanziario.
Dobbiamo rendere le istituzioni bancarie e finanziarie più resilienti nella gestione dei rischi, la lotta alle frodi e nel contsrasto all’alterazione dei modelli tradizionali.
Dobbiamo utilizzare la tecnologia per migliorare la compliance, la regolamentazione e la supervisione così che l’innovazione possa sbocciare e i rischi restino contenuti.
Dobbiamo usare gli strumenti fintech per combattere il riciclaggio di denaro e altri reati finanziari.
Il mondo emergente della finanza avrà pieno compimento nel nostro mondo interconnesso solo quando dati e sistemi saranno affidabili e sicuri.
Dobiamo rendere i nostri sistemi sicuri dalle minacce che viaggiano in rete.
Dobbiamo anche assicurarci che il passo e la velocità del lavoro fintech porti dei vantaggi alle persone e non degli svantaggi. Dobbiamo garantire che la tecnologia in finanza garatisce miglioramenti nella condizione umana attraverso un contatto diretto con chi vive più ai margini.
Dobbiamo anche aumentare la coscienza della massa e istruirla sulle opportunità che aprono loro le politiche  di inclusone e l’uso delle tecnologie.
Perciò il fintech dovrà non solo essere un mero meccanismo ma un vero e proprio movimento.
E dobbiamo anche affronatre l’inevitabile questione delle proprietà e flusso dei dati, la privacy e il consenso, il bene pubblico e privato, la legge e l’etica.
Infine dobbiamo investire nel creare capacità per il futuro e dobbiamo essere pronti a sostenere queste idee e investire nel lungo termine.
Amici
Ogni era si caratterizza per le opportunità che essa offre, ciascuna generazione ha la responsabillità di plasmare il futuro.
Questa generazione plasmerà il futuro che ora è nel palmo di ogni mano del mondo.
In nessun momento storico abbiamo mai goduto di così tante possibilità.
Dobbiamo fare delle opportunità e della prosperità una realtà nella vita di miliardi di persone.
Rendere il mondo più umano e uguale, tra ricchi e poveri, in città così come nei villaggi, tra speranze e risultati.
E così come l’India imparerà da altri, condivideremo la nostra epserienza con il mondo intero.
Perchè ciò che guida l’India possa essere una speranza anche per altri e sappiate che quello che sogniamo per l’India è anche ciò che auguriamo al resto del mondo.
Questo è un viaggio di tutti.
Così come il festival delle luci ci chiede di gettar luce sull’oscurità, la speranza e la felicità sulla disperazione, così anche questo festival ci chiede di unirci per creare un futuro migliore per l’umanità tutta.
Grazie.



Go to Top | Back | Print